[SCOPRI la causa di almeno 6 grosse PROBLEMATICHE e RISOLVILE subito imparando a respirare con il DIAFRAMMA: dì addio a CELLULITE, TORCICOLLO e MAL DI SCHIENA]

By | settembre 22, 2016

E torniamo a parlare di DIAFRAMMA e oggi voglio elencarvi i NUMEROSI BENEFICI che una corretta respirazione può dare.

Innanzitutto definiamo cosa si intende per RESPIRAZIONE DIAFRAMMATICA.

Solitamente non siamo abituati a considerare questo muscolo, ma dovete saper che è il nostro principale muscolo respiratorio e lo iniziamo ad utilizzare fin dal nostro primo atto respiratorio quando nasciamo.

Il diaframma, per spiegarlo in modo semplificato, è situato sotto le nostre coste e divide la cavità toracica da quella addominale, divide in pratica il nostro busto a metà.

Ad ogni inspirazione (quando cioè l’ aria entra) il diaframma scende , per permettere ai polmoni di riempirsi e la nostra gabbia toracica si espande quindi verso il basso.

Il diaframma quindi scendendo va a schiacciare i nostri visceri, gli organi situati nel nostro addome e cioè stomaco, intestino, pancreas, fegato, che non potendo scendere verso il basso perchè bloccati dal pavimento pelvico, né posteriormente, dato che vi è la colonna vertebrale, sono costretti ad esser spinti in avanti. Ed è per questo che quando si respira con il diaframma si vede la pancia gonfiarsi e si parla infatti di respirazione di pancia, ma non perché l’aria arriva in pancia ok?

L’aria va sempre e comunque nei polmoni, mi raccomando!

Successivamente, in fase espiratoria, quando l’aria esce, il diaframma sale e la gabbia toracica torna a dimensione di partenza.

esercizi-per-il-diaframmaQuesta è la respirazione che tutti dovremmo attuare in situazioni di riposo, quando cioè la nostra richiesta di ossigeno è ‘normale’, cioè quando dormiamo, leggiamo, guidiamo, ecc.

Quando invece richiediamo maggior aria al nostro corpo, quando ad esempio facciamo sport, parliamo, cantiamo, ecc, a venir in aiuto al diaframma intervengono altri muscoli, detti ‘accessori respiratori’. Questi muscoli sono quelli del collo, parte alta del dorso, e del petto. Questi dovrebbero intervenire sono in situazioni particolari per quanto riguarda la respirazione, e occuparsi invece per soddisfare altre azioni alle quali sono stati deputati, come ruotare o inclinare la testa, alzare le braccia ecc.

Ma cosa determina negli anni un peggioramento della nostra naturale meccanica respiratoria??

Le cause possono essere tra le più svariate, ve ne elenco qualcuna, le principali e più comuni:

  • stress molto forti e improvvisi: causano un blocco momentaneo respiratorio che il nostro corpo fa fatica poi a ripristinare. Tra questi troviamo lutti, cambi improvvisi di città o lavoro, divorzi e separazioni, incidenti, ecc.
  • stress lievi (almeno apparentemente) ma che sono costanti nel tempo: creano dei micro stress quotidiani e che goccia dopo goccia vanno a sommarsi, fino a riempire un vaso. Tra questi troviamo solitamente le situazioni lavorative non eccezionali, sia per tipo di lavoro che ambiente, o le situazioni famigliari che ci pesano ma che non possiamo cambiare (rapporto con genitori o figli, rapporto con i vicini, ambiente in cui si vive, ecc)
  • traumi fisici importanti: fratture, incidenti, operazioni. Questi portano a alterare la meccanica respiratoria che spesso poi non viene ripristinata correttamente, anche col passare del tempo
  • trauma diretto: colpo diretto a livello del diaframma, come può essere un pugno, una botta, una caduta, anche a livello delle coste che compongono la gabbia toracica
  • problematiche respiratorie: asma, bronchiti croniche, polmoniti, portano ad alterare la respirazione, e specie se si sono verificate da piccolini, portano a conseguenze anche da adultiFatta questa premessa vediamo ora cosa succede quando un diaframma smette di funzionare correttamente e quali conseguenze porta..

Te lo spiego bene in questo video…

PROBLEMATICA NUMERO 1):

TENSIONI CERVICALI, MAL DI TESTA, FORMICOLII, DOLORI AL COLLO, CERVICALGIE, ERNIE CERVICALI:

Dato che per sopravvivere e far fronte a tutto quello che dobbiamo fare nella nostra giornata, dobbiamo respirare, se il diaframma non funge completamente il suo dovere, chiederà aiuto ad altri muscoli, che abbiamo citato anche prima, i cosiddetti muscoli accessori respiratori. E sono i muscoli del collo (scaleni e sternocleidi) e parte alta del dorso (trapezio ad esempio).Questi muscoli sono quindi costretti a sopperire al mancato lavoro del diaframma. Ma ad un certo punto inizieranno a lamentarsi, dato che la loro funzione primaria non è quella di permettere la respirazione, e inizieranno i dolori cervicali, i torcicolli improvvisi, le tensioni al dorso, mal di testa,  ecc.E in casi più gravi, possono verificarsi formicolii alle mani, dolori al braccio, perdita di forza, tunnel carpale.Quindi se un diaframma è bloccato o non funziona correttamente, la prima conseguenza che può portare va a discapito del collo e della parte alta del dorso.

PROBLEMATICA NUMERO 2):

COLITE, GASTRITE, ERNIA IETALE, REFLUSSO

Se un diaframma di blocca, lo fa in fase di contrazione, quando è in basso quindi rispetto alla sua normale posizione fisiologica.

Rimanendo quindi più basso rispetto alla normalità, ed essendo praticamente appoggiato ai visceri che vi stanno sotto, li andrà a schiacciare e comprimere tra di loro.

E questi si troveranno a dover svolgere le loro funzioni in condizioni di sofferenza, senza avere lo spazio necessario di cui normalmente necessitano.

Per questo motivo, molto spesso, addome gonfio, teso, problematiche di colite, gastrite, reflusso, sono dovute ad un diaframma che comprime i visceri, quali stomaco, intestino, fegato e pancreas, e ne ostacola il loro funzionamento corretto.

PROBLEMATICA NUMERO 3):

INCONTINENZA, CICLO IRREGOLARE, PROBLEMATICHE ALL’APPARATO RIPRODUTTIVO

Collegata alla problematica legata ai visceri, anche altri organi si trovano a svolgere le loro funzioni in situazioni non ottimali. Stiamo parlando dell’ apparato riproduttivo e urinario.

Quindi anche fenomeni di incontinenza, possono esser dovuti ad un diaframma che comprime la vescica e che, sotto pressione, non riesce a contenerne l’urina, provocando incontinenza.

Anche l’apparato riproduttivo ne è coinvolto, soprattutto nelle donne, dove ovaie e apparato riproduttivo si trovano ad essere compresse e fungere male e in modo irregolare le loro funzioni.

PROBLEMATICA NUMERO 4):

ERNIA DORSALE E LOMBARE, DOLORE ALLA SCHIENA

Essendo che il diaframma si inserisce a livello della schiena (circa a metà) tra la zona lombare e dorsale, se è molto teso, rigido, e perennemente contratto, andrà a ‘tirare’ la muscolatura della schiena. Questa rigidità porterà a ridurre lo spazio tra una vertebra e l’altra andando a schiacciarla una sull’altra. Ma tra due vertebre abbiamo il disco intervertebrale e se due vertebre si schiacciano comprimono anche il disco tra di loro, che essendo gelatinoso, ad un certo punto uscirà dalla sua sede provocando la temuta ernia discale.

Quindi un diaframma rigido e teso, a lungo andare, comporterà anche serie problematiche come protusioni e ernie dorsali e lombari (L4-L5; L5-S1).

PROBLEMATICA NUMERO 5):

ANSIA, ATTACCHI DI PANICO, STRESS

Questi fenomeni sono strettamente legati a come riusciamo a far fronte agli eventi che ci accadono e a come riusciamo a gestirli nel quotidiano.

Un validissimo aiuto è dato dalla respirazione. Imparando a respirare correttamente infatti introduciamo nel nostro corpo una sufficiente quantità di ossigeno che ci permette di essere più lucidi e tranquilli e affrontare al meglio le situazioni che ci accadono.

PROBLEMATICA NUMERO 6)

CELLULITE, RITENZIONE IDRICA

Sappiamo che questi due fenomeni sono legati a moltissimi fattori, tra cui alimentazione, attività fisica, stile di vita.

Tra lo stile di vita comprendiamo anche la respirazione. Grazie ad una corretta respirazione infatti permettiamo al nostro corpo una eliminazione costante e naturale di tossine in eccesso. Se questo meccanismo viene bloccato o non funziona correttamente, il nostro corpo tratterà tali tossine, accumulandole soprattutto a livello degli arti inferiori, cosce e glutei.

Quindi imparando a respirare correttamente si diminuiscono moltissimo anche problematiche circolatorie, migliorando il flusso linfatico, ed esteticamente, la condizione di cellulite e ritenzione.

Ora che avete capito quanto è importante una corretta respirazione, vediamo come farla, e come inserirla nel nostro quotidiano.

Come vi accennavo all’ inizio la respirazione diaframmatica è la respirazione cosiddetta ‘di pancia’.

Per insegnarla infatti si tende a dire per facilità di andare a gonfiare la pancia, lasciando fermo il torace.

In realtà la pancia si gonfia perché attiviamo il diaframma che scendendo verso il basso spinge i visceri e quindi vediamo la pancia salire.

Quindi:

  • fai entrare l’aria dal naso, immaginando che non si possa fermare a livello del torace ma che possa scendere per andare a gonfiare un palloncino posto a livello dell’addome
  • il torace e le spalle non sid evono muovere, se non minimamente
  • ora lascia uscire l’aria in modo passivo, espirando possibilmente dalla bocca, senz aperò soffiare, o forzare l’espirazione. Molto importane è non attivare gli addominali per spingere l’aria fuori
  • Aspetta 2′ e riparti con un altro ciclo respiratorio

Quando farla?

Tutte le volte che puoi! Il mio consiglio è farla sempre la sera prima di addormentarti, in modo da riabituare il corpo e avviare questa respirazione che poi verrà mantenuta durante la notte.

Ma la cosa migliore è di respirare ‘di pancia’ tutte le volte che siete tranquilli, che siete seduti, che leggete, che guardate la tv, che guidate.

Ricordate che la respirazione diaframmatica è quella che in fisiologia dovremmo utilizzare, e il nostro corpo lo sa bene! 

Basta solo spolverare un po’ quella memoria muscolare che per stress, tensioni, traumi, stile di vita, il nostro corpo ha momentaneamente scordato, ma che non vede l’ora di riprendere a fare!

Affidati a chi valuta solo il tuo miglioramento estetico o le tue performance sportive. Come hai potuto capire respirare correttamente migliora di gran lunga la qualità della tua vita!

E noi qui a Studio Personal la teniamo particolarmente in considerazione in tutti i nostri protocolli di lavoro sia in Studio che attraverso i programmi on line grazie all’ HOME.

Ci trovi in Studio a Thiene, in via Meucci 2,

Stretching e allungamento possono essere fatti in modo mirato, direttamente da casa, con un programma specifico in base alle tue esigenze!

Per questo ho creato il POSTURAL BOX – elimina il tuo mal di schiena in 5mosse strategiche

Grazie al POSTURAL BOX avrai un programma completo, video e cartaceo, per risolvere i tuoi problemi postulai, dolori e tensioni soprattutto alla schiena.

Il BOX contiene:

  • video tutorial esercizi di stretching, respirazione, allungamento globale, consigli
  • video sequenze da seguire passo passo
  • schede tecniche con foto e spiegazioni di tutti gli esercizi proposti
  • attrezzo per decontratturare la muscolatura
  • schede con consigli pratici da seguire
  • asciugamano studio personal
  • chiavetta usb studio personal
  • box studio personal

Richiedilo subito a prezzo vantaggioso da 127 euro (valido solo fino 31 GENNAIO!)

Prenotalo scrivendomi a info@yourpersonaltrainer.it

Non aspettare ancora! Inizia oggi stesso a prenderti cura del tuo corpo!

 

A presto

katia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *