[IL SOTTILE LEGAME TRA UN POKEMON GO E LA SIGNORA IN ROSSO DI MATRIX: come l’ evoluzione esteriore va di pari passo alla nostra involuzione interiore]

By | luglio 17, 2016

‘Hai mai fatto un sogno tanto realistico da sembrarti vero? E se da un sogno così non dovessi più svegliarti, come potresti distinguere il mondo dei sogni dalla realtà?

(dal fim Matrix)

 

L’ ho scoperto ieri sera.

Lo leggevo su Facebook in questi giorni, senza interessarmene più di tanto.

I videogames mi sono sempre piaciuti molto, ma io sono dell’ era di Mario Bross e di Zelda. E già quando la Playstation ha iniziato a far ruotare gli omini su stessi per aver una visuale più ampia…già non ci capivo più niente e così, verso i sedici anni smisi di giocare.

Ma dato che molte persone, soprattutto adulte (qui il grado di ‘adulto’ non so in che scala si misuri), hanno iniziato a metter post ‘strani’ e parlare con un ‘nuovo linguaggio’, ho iniziato a documentarmi e cercare di capire cosa avesse di così speciale questo nuovo gioco che fa letteralmente impazzire.

Leggevo, ma non capivo, c’era scritto che ‘bisogna girare per la città con il telefono in verticale e cercare di trovare e catturare più pokemon possibili’

eh?? ho capito bene?? Così, per pura curiosità, ho deciso ieri sera di caricare l’ applicazione.

Ed eccomi catapultata nel magico mondo di POKEMON GO.

pokDopo aver deciso il mio personaggio (la cacciatrice che devo essere), ho acceso il ‘gioco’.

Ero in macchina, e dopo qualche istante un cavolo di affare blu si è piazzato sul cruscotto.

No, non guidavo io, altrimenti mi sarei schiantata per prendere quel coso!

Ho fatto qualche tentativo e una volta preso, ho chiuso il telefono, pensando che la gente davvero non ha un cavolo di meglio da fare che catturare cose finte che invadono il nostro mondo e il nostro ambiente.

Perché quell’affarino era proprio in macchina mia, era lì. E chi gli aveva dato il permesso di starci? Io, co
n la mia curiosità e ignoranza.

Per me era finita lì, mi era tolta la curiosità, avevo capito di cosa si trattava, e soprattutto che il mio tempo libero lo passo ad allenarmi, scrivere, stare all’aperto con gli amici o con il mio cane, non con un ologramma.

E invece stamattina, apro il pc e su FB vedo un video, condiviso da un mio amico che la pensa allo stesso mio modo, che riprende migliaia di persone letteralmente impazzite in mezzo ad un parco che cercano di catturare uno di questi pokemon.

Nel video si vede bene che si spingono, si fanno cadere, le macchine si fermano in mezzo alla strada, e la gente continua imperterrita a guardare lo schermo del loro telefono come fossero degli automi.

E’ stata un’immagine raccapricciante ai miei occhi, perché rende chiara l’idea di dove stiamo andando e della fine che stiamo facendo.

Ci stiamo letteralmente ‘rincoglionendo’ di brutto, siamo schiavi di un mondo virtuale. Ricordate il film Matrix…beh non ci siamo molto distanti.

Siamo dentro ormai ad un OLOGRAMMA, e chissà da quanto tempo senza accorgercene. Ricordate la SIGNORA IN ROSSO del film? Quando Neo viene colpito, perché si distrae guardando la signora con il vestito rosso?

13612298034_fbdf3be6c6_oInvenzione, cinema? Io non credo siamo molto distanti a questo punto.

Perché mi spiegate che differenza c’è tra un POKEMON che ci attraversa la strada e la signora in rosso che sorride a Neo??

E questo non vi fa pensare? Non vi fa un minimo di paura?

A me sì sinceramente.

Credo che debba esserci un’ evoluzione tecnologica assolutamente, ma quando l’ EVOLUZIONE esteriore porta in modo così prepotentemente forte una nostra INVOLUZIONE interiore, la cosa non mi sta più bene.

Io stessa ho giocato ai videogames per anni, e molti di voi mi potrebbero dire che anche in quel caso stavo vivendo una realtà parallela. Ma sapevo bene che gli omini di Zelda o Super Mario erano dentro allo schermo della tv, e che gli avrei messi a nanna con un click del telecomando.

Con questo nuovo ‘gioco’ (o magari è semplicemente un test per vedere fino a dove noi umani siamo disposti a spingerci..) è diverso e non mi piace.

E quindi oggi ho cancellato l’applicazione dal mio telefono.

Preferisco occupare il mio tempo, e la mia mente soprattutto, in modo diverso, ci sono mille modi per passare le vostre giornate e il vostro tempo libero.

  • uscite all’ aperto
  • portate a spasso il cane
  • leggete
  • scrivete
  • ridete
  • cucinate
  • fate sport
  • andate a trovare un amico
  • suonate uno strumento

e mille altre cose da fare che non vi LOBOTOMIZZANO la mente, che vi fanno mantenere ciò che siete e ciò che pensate e provate.

Questo articolo non serve a vendere nulla, a proporvi nulla, solo a farvi PRENDERE COSCIENZA di chi siete e di dove volete andare..

Un abbraccio

katia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *