5 BUONI MOTIVI PER NON RIMANDARE ANCORA..

By | gennaio 3, 2016

start

 

Ed eccoci qui…come ogni anno con la famosa lista dei BUONI PROPOSITI.

Ammettetelo: chi di voi non la fa? almeno mentalmente? chi di voi non butta giù almeno 5/6 punti su cui lavorare per tutto l’anno successivo. Punti che molto spesso inevitabilmente vengono dimenticati, lasciati in sospeso, rivisti a fine anno come incompiuti,ecc.

E purtroppo, parlo a mio discapito, uno di quei punti che spesso non viene rispettato, abbandonato o dimenticato è il fatidico punto riguardante l’ATTIVITÀ’ FISICA. E con questo termine sto ad indicare tutto quello che riguarda l’aspetto benessere, che può comprendere il dimagrire qualche chilo accumulato nel corso degli anni, il rimettere in moto in senso generico l’intero organismo, oppure migliorare in flessibilità ed elasticità oppure prefissarsi di farsi fare almeno un massaggio al mese per rilassasi e staccare la spina.

Tanto entusiasmo all’inizio…ma poi…

Succede ogni anno, l’ho visto succedere un sacco di volte. Persone super entusiaste che si iscrivono in palestra e che la frequentano ogni giorno a gennaio e sale pesi praticamente vuote a giugno; corsi di yoga, pilates, step, aerobica stra pieni ad inizio anno che diventano sempre più vuoti mano mano che si avvicina l’estate, persone che si fissano un trattamento benessere a settimana nel mese di gennaio e che si dimenticano di cosa voglia dire un’ora di massaggio verso aprile/maggio.

images

Purtroppo è ciò che succede quando la nostra forte motivazione iniziale viene superata dalla pigrizia, dagli impegni quotidiani, dalla mancanza di risultati apprezzabili, e da un altra serie di futili motivazioni che ci fanno abbandonare e non ci fanno raggiungere i nostri obiettivi. Ce la raccontiamo! Ecco cos’è!

Perché il tempo, la motivazione, l’energia che abbiamo a gennaio dovrebbe essere diversa da quella di aprile, maggio, giugno o di qualsiasi altro mese dell’anno??

Il problema sta proprio qui: i buoni propositi non si fanno a Gennaio! I buoni propositi (almeno per quanto riguarda l’aspetto del benessere corpo mente) non dovrebbero proprio esistere, dovrebbero far parte del nostro quotidiano.

Proprio così! Volersi bene in primis, sempre! Io ritengo che l’attività fisica, il dedicare del tempo a noi stessi, il muoversi (in qualsiasi forma di attività che ci piace), il sentirsi bene, deve (o dovrebbe) essere prerogativa di tutti e in qualsiasi momento!

Mi rendo conto però che la cultura fisica (intesa nel senso lato del termine..che comprende il benessere fisico a 360°) non è per tutti così un elemento importante e da tener presente nella programmazione del proprio tempo. Ed è anche per questo motivo che il Personal Trainer è importante.

Quindi per tutti coloro che nella loro LISTA DEI BUONI PROPOSITI hanno inserito anche le parole ATTIVITA’ FISICA o BENESSERE o PALESTRA , posso consigliarvi vivamente di affidarvi ad un buon PERSONAL TRAINER.

Ed ora ecco i 5 BUONI MOTIVI PER NON RIMANDARE ANCORA:

1) RISULTATO CONCRETO: 

Molti di voi iniziano a far palestra/muoversi/ecc. e poi abbandonano nel giro di qualche mese molto spesso per la mancanza di risultati. Se sei seguito da un Personal Trainer, questo non può e non deve accadere (sempre se il lavoro viene fatto con una certa professionalità ovviamente..). Un bravo PT infatti monitorizza i tuoi miglioramenti, aumenta la tua performance e ricerca la qualità del lavoro svolto per ottenere nel minor tempo possibile i risultati che cerchi e a cui aspiri chissà da quanto tempo. Gli allenamenti non sono mai noiosi, monotoni, ripetitivi, proprio perché il PT sa da solo come aumentare e migliorare la tua prestazione e la tua forma fisica e tu non devi proprio pensare a nulla. Basta metterci la presenza, al resto pensa il Personal Trainer!

2) RISPETTO DELLA TUA PRIVACY:

Questo vantaggio a mio avviso, e a parere della maggior parte dei miei clienti, è praticamente alla pari del punto numero 1. Molti dei miei clienti, ma immagino anche molti di voi che state leggendo, non amate ambienti caotici, pieni di persone, e soprattutto pieni di persone che ‘sanno già come muoversi, ‘sanno già fare gli esercizi’, ‘sono già inseriti’ nell’ambiente. Da quel che vedo e sento, molti non amano farsi vedere, essere guardati durante l’allenamento. Vuoi per motivi di vergogna, vuoi perché vedono già abbastanza persone durante la giornata e in quell’ora non hanno voglia di veder nessuno, vuoi perchè possono vestirsi come gli pare e piace o perché non si devono truccare, acconciarsi per far bella figura..insomma fatto è che il 99% dei miei clienti quando si allena vuole farlo per i fatti propri, facendo due chiacchiere con il PT (che diventa a quel punto anche confidente di fiducia coperto da segreto professionale), ascoltando la musica che più gli piace, in un ambiente pulito, confortevole e staccato dal mondo che dovranno di nuovo affrontare appena terminata la seduta di allenamento.

3) MOTIVAZIONE:

Ciò che contraddistingue un Personal Trainer è anche il saper motivare il cliente proprio nel momento di difficoltà. Quando magari inizia a scantinare, quando i risultati più grossi sono arrivati e quindi ci si siede un po’ sugli allori, quando gli impegni di lavoro, familiari diventano maggiori, ecc. Proprio lì deve intervenire un PT, sapendo far leva nel giusto modo e dando le giuste motivazioni che servono per impedire di mollare un’ennesima volta e di ritrovarsi delusi e scoraggiati per non aver raggiunto il vostro obiettivo. Inoltre, e lo possiamo inserire i questo punto, un PT ti accoglie con il sorriso, ti fa passare bene quella tua ora che sei riuscito a ritagliarti con tanta fatica. Ti sa ascoltare, non sentire ma ascolto attivo, e questo al giorno d’oggi nella società in cui viviamo, è un elemento davvero difficile da trovare.

4) PERSONALIZZATO SULLA TUA PERSONA:

Quanti di voi sono andati almeno una volta in palestra e dopo la prima seduta di prova si sono visti profilare la famosa ‘scheda’? che altro non è (nella maggior parte dei casi) composta da un insieme di esercizi standard uguale per tutti i clienti donna o uomo che iniziano da zero. Senza considerare età, eventuali alterazioni posturali, tensioni, obiettivi specifici, passato sportivo o non, ecc. O quanti si sono iscritti almeno una volta ad un corso di gruppo in cui (inevitabilmente) gli esercizi sono uguali per tutti e quindi sei costretto, anche se il gluteo ce l’hai perfetto e vorresti lavorare sul tricipite, a spararti 1000 serie di slanci laterali o di ‘ponte da terra’ ? Ecco questo non accade se siete seguiti da un Personal Trainer, perché il tutto ruota attorno alla tua persona, ai tuoi obiettivi, al tuo passato sportivo, a ciò che più ti piace fare, alle tue predisposizioni genetiche (in base alla tipologia del soggetto), ai traumi fisici che hai avuto in passato e che spesso hanno alterato il tuo assetto postulare, alla tua alimentazione, idratazione,ecc. insomma un PT ti valuta e costruisce di conseguenza un programma mirato per te, in base a tutta una serie di elementi che sono indispensabili da valutare! e tra questi troviamo obiettivi, traumi fisici, stili di vita, postura, lavoro, livello di stress, alimentazione, idratazione, tempo a disposizione, qualità e quantità del sonno.. Non ti sembra leggendo che mai (se non sei tra i pochi fortunati) ha preso in cura il tuo corpo e la tua persona così nel dettaglio??

5) NON RISCHI DI FARTI MALE:

Se sei seguito passo passo in tutti gli esercizi che fai è praticamente impossibile farsi male! Lo dico perché , posso affermarlo con certezza, nel 100% dei casi con i miei clienti che seguo come Personal Trainer, nessuno ha smesso o ha sospeso le lezioni per traumi, danni, dolori causati dall’attività fisica durante le sue sedute con me. Un buon PT ti sta sotto (come dico io) e non ti molla un secondo. Che significa il controllo assoluto e completo su tutte le esecuzioni, carichi, recuperi, numero di ripetizioni, tipologia di esercizio, limitazioni funzionali e posture alterate, per permetterti di allenarti in completa sicurezza, senza mettere il corpo eccessivamente sotto stress, consigliandoti il giusto recupero e la giusta eventuale reintegrazione. Se poi un Personal è anche Posturologo..beh fate Bingo (qui gioco davvero in casa). E in questo modo potrete correggere anche posture alterate, migliorare mobilità e flessibilità, eliminare tensioni e dolori che vi portate avanti chissà da quanto tempo.

 

Bene…vi ho elencato solo i 5 PUNTI PRINCIPALI a mio avviso CHE FANNO LA DIFFERENZA e che dovrebbero convincervi che forse è arrivato davvero il momento di INIZIARE A PRENDERVI CURA DEL PROPRIO CORPO

 

Se leggendo ti sei sentito ‘chiamato in causa’ e ritieni che riprendere o iniziare da zero un’attività seguito in una struttura che mira al rispetto della tua privacy, seguito da professionisti con anni di esperienza,

cosa aspetti a contattarmi??

Studio Personal è l’alternativa alla palestra che fa per te!

 

************************************************************************************************************************

Ora che hai capito l’importanza di fare una corretta ATTIVITA’ FISICA ti starai chiedendo come fare e soprattutto a chi affidarti..

Ho la SOLUZIONE CHE FA PER TE!

‘Studio Personal HOME FITNESS – L’ allenamento personalizzato DOVE e QUANDO vuoi’

Preparato da ME PERSONALMENTE in base ai tuoi obiettivi e le tue esigenze!

http://programmahomefitness.getresponsepages.com

************************************************************************************************************************

Se invece vuoi una consulenza on line e un tuo piano personalizzato scrivimi a katiavaccari.pt@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *