STRESS E MAL DI SCHIENA: perché respirare con il diaframma ti aiuta ad eliminare il dolore alla schiena

di | Dicembre 12, 2019

Lo STRESS è un’enorme problema che colpisce e affligge praticamente tutta la popolazione, di qualsiasi fascia d’età e sesso.

Lo STRESS è purtroppo un enorme pag dei nostri tempi, che ci ritroviamo ad affrontare quotidianamente nel corso della nostra giornata.

Siamo stressati sin dal mattino, da quando suona la sveglia e ci costringe ad alzarci, a quando ci mettiamo in macchina in mezzo al traffico, tra clacson che suonano e semafori rossi. Poi arriviamo al lavoro dove solitamente troviamo un capo che pretende sempre più da noi, un collega che non sopportiamo, un cliente antipatico da convincere a comprare. E lo stress continua con i mille impegni che inseriamo di continuo nella nostra giornata: il figlio da andare a portare a calcio, la spesa da fare, la cena da preparare, il marito o la moglie da soddisfare (o sopportare).

Siamo dentro ad un vortice impazzito, dentro una lavatrice, che ci impedisce di fermarci, respirare, riflettere e ascoltarci dall’interno.

Non abbiamo nemmeno ormai il tempo di sentire cosa desideriamo davvero, ci fa quasi paura farlo, perché potrebbe portarci a prendere decisioni importanti che a loro volta creerebbero altro stress. E quindi preferiamo andare avanti, riempirci ancor più le nostre giornate, per non aver modo di pensare.

Ma tutta questa corsa impazzita porta inevitabilmente conseguenze alla nostra salute psico- fisica, alla nostra serenità, al nostro benessere sia mentale che fisico.

Nei miei video e articoli parlo spesso dell’enorme importanza della respirazione diaframmatica e del suo ruolo fondamentale nel combattere tensioni e dolori alla schiena e voglio tornare a parlarne in questo articolo.

Cosa succede al nostro corpo quando siamo stressati?

La nostra respirazione dovrebbe essere per lo più svolta dal nostro principale muscolo respiratorio, ovvero il diaframma. Questo muscolo è posto a metà del nostro tronco, e divide la cavità toracica da quella addominale.

Il diaframma va ad inserirsi a livello delle ultime vertebre dorsali e prime lombari. Sarà quindi abbastanza chiaro che se questo muscolo si irrigidisce e rimane contratto a lungo andrà di conseguenza ad irrigidire tutta la muscolatura e la zona della schiena dove si inserisce.

NB. Sto cercando di spiegarti il meccanismo e cosa avviene nel modo più semplice possibile, senza usare termini tecnici in modo che ogni persona possa capire cosa avviene nel proprio corpo.

Quando il diaframma rimane contratto resta bloccato in basso, come quando si contrae per inspirare.

Essendo contratto va a irrigidire il resto della muscolatura adiacente e questo porta a dolori e tensioni in zona dorso lombare, e nei casi più gravi allo schiacciamento delle vertebre una sull’altra con conseguenti protusioni ed ernie.

Ma perché lo stress irrigidisce il diaframma?

Quando siamo tesi, agitati, sotto pressione, la nostra respirazione non è fluida e rilassati. E’ affannata, corta, ansiosa. Questo porta mano mano a contrarre il diaframma sempre più rapidamente e più intensamente e di conseguenza a mantenerlo teso e irrigidito per molto tempo. La contrazione prolungata nel tempo, al pari di ciò che avviene in qualsiasi altro muscolo del nostro corpo, porterà ad un suo stato di tensione, che in questo caso ha come conseguenze dirette mal di schiena e altre problematiche anche gravi.

Cosa fare quindi per evitare tutto questo e vivere anche più serenamente e con meno stress?

Devi imparare, o meglio, re-imparare ad utilizzare il diaframma per respirare.

Questo ti consentirà di rilassare la muscolatura, avere una maggior ossigenazione e diluire notevolmente lo stato di tensione e ansia.

La respirazione diaframmatica si fa inspirando con il naso e gonfiando l’addome (senza forzare con gli addominali) e espirando a bocca aperta lasciando uscire l’aria in modo fluido e rilassato.

Non è difficile, ma devi avere pazienza affinché il tuo corpo venga rieducato alla corretta respirazione, a quella che facevamo in modo postano e naturale da bambini.

La respirazione è alla base di tutti gli esercizi di stretching e postura che propongo nel mio studio e che ho inserito nel mio libro “Mal di schiena addio!”.

Leggi la descrizione e perché potrebbe esserti molto utile qui:

[SL] Mal di schiena Addio

mal di schiena addio stretching

 

 

 

 

 

Abbi cura del tuo corpo, della tua mente e del tuo tempo.

A presto:)

Katia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *