Stretching post allenamento: perché e come farlo

di | Novembre 25, 2020

Lo stretching post allenamento è fondamentale. Te lo dicono sempre:

‘Alla fine mi raccomando, 10 minuti di stretching!’

E io e il mio staff lo facciamo fare sempre a tutti i nostri clienti in Studio, e lo inserisco in tutti i miei programmi di allenamento da casa.

Ma ti sei mai chiesto perché ti dicono di fare allungamento? Probabilmente molti istruttori non lo sanno, o non sanno davvero quali siano le ragioni che fanno dello STRETCHING una prassi obbligatoria a fine allenamento.

stretching post allenamento

Stretching post allenamento: perché è così fondamentale farlo

Innanzitutto cominciamo col dire che avere una muscolatura elastica, mobile e non accorciata, facilita la vita di tutti i giorni! Pensa ad esempio a quando ti allacci le scarpe, o a quando prendi una scatola in cucina sul ripiano più alto.

Se la tua muscolatura è elastica, i movimenti ti sembreranno più naturali, poco faticosi, leggeri. Ma se ti senti affaticato, rigido, contratto, anche semplici gesti di vita quotidiana risultano pesanti e faticosi.

Quindi in primis, fare stretching o ALLUNGAMENTO, migliora la qualità di vita, a prescindere che tu faccia o meno attività fisica.

E’ fondamentale infatti inserire nella normale quotidianità qualche esercizio di stretching, di mobilità e allungamento specifico per permetterti di non avere dolori e far durare le tue strutture (articolazioni soprattutto) il più a lungo possibile.

Se poi sei uno sportivo, sia amatoriale che agonista, è davvero fondamentale che tu dedichi almeno 7/8 minuti allo stretching post allenamento, dopo ogni sessione di allenamento.

E perché dico questo?

Quando ti alleni, i tuoi muscoli vanno in contrazione, sia in allenamenti di forza che resistenza. Questa contrazione però porta i muscoli ad uno stato di accorciamento. Quindi il muscolo quando si allena si accorcia (fase concentrica) nella maggior parte degli esercizi.

Sarà quindi importante andare a ripristinare la corretta lunghezza delle fibre muscolari, per impedire che avvengano fenomeni di usura a livello articolare. Se i muscoli sono corti infatti, andranno a comprimere i capi articolari, es. ginocchio, spalla, anca o schiena. E se abbiamo compressione all’articolazione, avremo usura delle cartilagini e dei componenti di ammortizzazione (es. menischi o capsule). Queste usurandosi, non compiranno più la funzione di preservare l’ osso, che andrà poi a sfregare uno contro l’ altro, causando ARTROSI e USURA OSSEA, con le conseguenze dirette di una protesi o di dolore costante!

Quindi prima di tutto fai stretching e allunga i tuoi muscoli per conservare il tuo corpo negli anni il più integro possibile!

Migliora la circolazione con lo stretching post allenamento

Secondo motivo per cui è così fondamentale fare stretching post allenamento è quello di eliminare tossine e metaboliti prodotti durante l’ allenamento.

Allentando le tensioni e allungando la muscolatura infatti si favorisce la circolazione e quindi l’ eliminazione delle sostanza di scarto prodotte.

A favorire questo è sicuramente l’ assunzione di almeno 2 litri al giorno d’ acqua (aumentati a 3 nei giorni in cui ti alleni) ed eventualmente l’ assunzione di un drenante, come ad esempio il BIODAR della Prometek (http://www.prometek.it codice sconto: wonderkatia) che io uso costantemente.

Nel video trovi una breve routine di stretching che ho fatto a casa dopo essermi allenata soprattutto le gambe.

Mi raccomando, non trascurare lo stretching, dedicagli sempre il giusto tempo!

A Studio personal diamo particolare importanza a STRETCHING e POSTURA. Se sai di avere problemi specifici e hai bisogno di una consulenza personalizzata puoi prenotarla da QUI

Stretching post allenamento personal trainer

 

Gli esercizi di STRETCHING sono inseriti anche in tutti i miei programmi online perché credo fermamente che ognuno possa tenersi in forma, se seguito da un Personal Trainer che sappia quali esercizi inserire, anche in casi di ernia, protrusioni, cervicale, ecc.

 

allenarsi a casa wonder katia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *