STRETCHING PER LA SCHIENA: esercizi posturali per eliminare dolori e tensioni

di | 2020-12-18

Stretching per la schiena, può bastare per risolvere dolori e tensioni che affliggono sempre più persone e sempre con maggior frequenza?

La risposta è sì, a patto di saperlo fare BENE.

Il mal di schiena è compagno sgradevole di un numero sempre più alto di persone perché purtroppo assumiamo posture scorrette, passiamo ore e ore sedute al Pc o in macchina, ci muoviamo meno, e siamo sempre più stressati. Più di 15 milioni di italiani soffrono di mal di schiena: giovani, adulti, sedentari e sportivi. Perché l’avanzare dell’età non c’entra niente.

Sono tutti convinti che sia “normale” avere un po’ di mal di schiena di tanto in tanto ma…Non solo si sbagliano, creano i presupposti per farlo durare ancora di più!

Chiariamo una cosa: avere mal di schiena NON è affatto normale.

E, soprattutto, nessuno è destinato a conviverci per sempre!

Si tratta unicamente di sapere come fare per prevenirlo – o curarlo in tempo quando si presenta.

Il fatto che gli esercizi di stretching sono un buon aiuto per il mal di schiena è stato ormai confermato da diversi studi. Tant’è che molte tecniche normalmente usate per migliorare i dolori lombari, come ad esempio le tecniche Mezières, sono basate proprio su esercizi di stretching.

 

mal di schiena

Queste sono alcune delle tante cause che possono determinare un mal di schiena, anche senza per forza subire un trauma o una caduta.

Di mal di schiena ne soffrono sia gli adulti che i giovani, sempre più curvi sotto il peso delle cartelle, o sempre più storti tra i banchi di scuola.

Le cause sono davvero tra le più svariate, dalla postura lavorativa, al mancato stretching per la schiena dopo l’attività sportiva, a una errata respirazione, traumi e cadute, e molte altre.

Tante persone ad esempio sottovalutano l’importanza di fare gli esercizi di stretching per la schiena e in generale lo stretching dopo l’allenamento: si tende a pensare che, non facendo fatica, lo stretching sia superfluo, mentre invece è fondamentale, soprattutto per prevenire il mal di schiena.

Leggi anche Stretching post allenamento: perché e come farlo

Stretching per la schiena: cosa fare prima di cominciare

La cosa fondamentale è per prima cosa, come dico sempre, individuare la vera causa della comparsa dei dolori e delle tensioni. Solo così potremmo agire di conseguenza ed eliminare il problema alla radice.

Fare stretching per la schiena è molto utile nei casi di mal di schiena dovuti a debolezze o eccessive contratture muscolari e a volte anche nel caso di ernia, protrusioni o altri problemi ai dischi intervertebrali, ma se sai di avere delle patologie particolari, il fai da te è altissimamente sconsigliato!

Una volta determinata la causa è però necessaria una particolare attenzione al ripristino della corretta lunghezza fisiologica della muscolatura della catena posteriore del nostro corpo.

Questa serie di muscoli, uniti appunto a formare un’unica catena, si ritrova per la maggior parte dei casi accorciata, rigida, contratta, a causa proprio delle posizioni di “chiusura” che assumiamo tutto il giorno.

Questi muscoli sono quelli posteriori al nostro corpo e cioè: polpaccio, femorale, gluteo, lombari, dorsali, cervicali (paravertebrali in genere) e muscoli della nuca.

Leggi anche: Elimina il dolore al collo con questo semplice esercizio

 

Questi muscoli se non adeguatamente allungati andranno a comprimere le vertebre una sull’una, con conseguenza diretta di problematiche di “schiacciamento” come sciatalgie, ernie, dolori alla schiena lombare, mal di testa, formicolii, ecc.

Per evitare che questo avvenga, o nel caso tu soffra già di una di queste patologie, la cosa che puoi fare (e che dovresti fare immediatamente) è allungare la muscolatura con adeguati esercizi di stretching per la schiena ma non solo.

Più completi saranno infatti gli esercizi, più riuscirai ad allungare tutta la catena posteriore di muscoli e prima sentirai il beneficio dello stretching per la schiena.

Stretching per la schiena: attenzione a non farti male

Non mi stancherò mai di ripetere abbastanza che, per quanto possa sembrare semplice un esercizio, se non lo fai correttamente puoi trovarti a peggiorare anziché migliorare la tua situazione.

Il rischio dello stretching per la schiena mal fatto è quello di finire per procurarti degli stiramenti dolorosi che andranno solo ad aumentare il tuo mal di schiena.

Evita quindi i consigli improvvisati e assicurati di seguire le istruzioni di un personal trainer professionista che abbia a cuore la salute della tua schiena.

I miei esercizi di stretching per la schiena

In questo video te ne mostro alcuni davvero semplici, che puoi fare alla sera per rilassare la muscolatura.

Ricorda di abbinare sempre la respirazione diaframmatica per ottimizzare la distensione e l’allungamento muscolare e rieducare il diaframma alla sua corretta funzione.

Rimani almeno 60” per ogni posizione di ogni esercizio.

Non ci sono controindicazioni, quindi puoi benissimo eseguirlo ogni giorno, anche più volte, ogni qualvolta ne senti la necessità.

E per avere un programma completo di esercizi da fare per risolvere le problematiche alla schiena e star subito meglio, ho scritto un libro, in cui ti spiego quali sono le cause scatenanti del tuo mal di schiena e cosa fare per risolverlo.

Trovi tutte le informazioni qui:

https://yourpersonaltrainer.it/addio-mal-di-schiena-sl/

Vieni a trovare me e il mio team nel mio centro di personal training “Studio Personal” di Thiene

Oppure scrivi a: info@yourpersonaltrainer.it

A presto

katia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *